Come scegliere il tuo olio di cocco vergine, secondo il professor Shirasawa

Estratti dal libro "FOOD FOR THE BRAIN, del Prof. Shirasawa, PHD, MD, specialista in antietà. ISBN 978-967-14205-0-8"

 

Gli MCT rappresentano generalmente il 55% del grasso totale.

A differenza degli oli vegetali, l'olio di cocco ha una data di scadenza. È meglio consumarlo entro il primo anno, altrimenti potrebbe irrancidire dopo un po '.

 

Controlla l'elenco degli ingredienti. L'olio di cocco dovrebbe contenere solo olio di cocco, nient'altro.

Questo prodotto è pressato a freddo, per preservarne il gusto e i benefici naturali.

È normale che l'olio di cocco si solidifichi se esposto a una temperatura inferiore a 24 ° C. Non influisce sulla qualità o sul gusto del prodotto.

Se conservi l'olio di cocco in frigorifero, puoi usarlo anche come crema spalmabile o come burro.

 

"Tutto il testo sopra è una citazione diretta dal libro del Prof. Shirasawa e sono presentati qui per informazioni sugli ultimi risultati sui benefici del cocco. Queste informazioni non possono essere viste come una raccomandazione per modificare o alterare un trattamento medico. Come qualsiasi altro buon ingrediente alimentare, il cocco può portare benefici solo all'interno di una corretta dieta equilibrata e di regolari esercizi fisici ".

Riferimento: FOOD FOR THE BRAIN - PROF. LE LETTURE DI SHIRASAWA

 

Come scegliere il latte di cocco, secondo il professor Shirasawa

Estratti dal libro "FOOD FOR THE BRAIN, del Prof. Shirasawa, PHD, MD, specialista in antietà. ISBN 978-967-14205-0-8"

 

Gli MCT rappresentano generalmente il 45% del grasso totale.

Scegli un prodotto con la giusta quantità di grasso per ottenere abbastanza MTC. Idealmente:

  • Circa 20 g di grassi per 100 g di latte di cocco
  • Circa 24 g di grassi per 100 g di crema di cocco
 

Leggi sempre l'elenco degli ingredienti.

Un latte di cocco di buona qualità:

  • Non contiene conservanti
  • Nessun colorante
  • Senza zuccheri o aromi aggiunti

È normale che il latte di cocco e la crema di cocco si solidifichino a una temperatura inferiore a 24 ° C.

Torneranno come un liquido quando vengono riscaldati. Ciò non influisce sulla qualità o sul gusto del prodotto.

 

“Tutti i testi di cui sopra sono citazioni dirette dal libro del professor Shirasawa. Sono presentati qui per conoscere gli ultimi risultati riguardanti i benefici del cocco. Queste informazioni non possono in alcun modo essere considerate come una raccomandazione per modificare il trattamento medico. Come qualsiasi altro ingrediente alimentare di qualità, il cocco può fornire benefici solo se combinato con una dieta equilibrata e un regolare esercizio fisico ".

Riferimento: FOOD FOR THE BRAIN - PROF. LE LETTURE DI SHIRASAWA

 

La migliore fonte naturale di AGCM (TCM), secondo il professor Shirasawa

Estratti dal libro "FOOD FOR THE BRAIN, del Prof. Shirasawa, PHD, MD, specialista in antietà. ISBN 978-967-14205-0-8"

 

È importante sapere che il grasso di cocco è composto principalmente da acidi grassi saturi a catena media, noti anche come trigliceridi a catena media (MCT). Gli MCFA sono notevoli, facili da digerire e hanno una maggiore solubilità in acqua.

 

chart01

Per capire cosa rende il grasso di cocco il più straordinario, anche con la sua storia tradizionalmente miracolosa, è necessario capire le sue proprietà e come il corpo risponde ad esse.

Tutti i grassi e gli oli sono costituiti da molecole di grasso chiamate acidi grassi. Esistono due metodi per classificare gli acidi grassi. Il primo si basa sulla saturazione, in cui si trovano grassi saturi, grassi monoinsaturi e grassi polinsaturi.

Il secondo metodo di classificazione si basa sulla dimensione molecolare o sulla lunghezza della catena di carbonio all'interno dell'acido grasso. Hai acidi grassi a catena corta (SCFA), acidi grassi a catena media (MCFA) e acidi grassi a catena lunga (LCFA). Quando tre acidi grassi sono uniti da una molecola di glicole, si ottiene un trigliceride. Quindi puoi anche avere trigliceridi a catena corta (TCC), trigliceridi a catena media (TCM) e trigliceridi a catena lunga (TCL). A volte i termini acidi grassi e trigliceridi sono usati in modo intercambiabile.

È importante sapere che il grasso di cocco è composto principalmente da acidi grassi saturi a catena media, chiamati anche trigliceridi a catena media (MCT).

Gli MCFA sono notevoli, facili da digerire e hanno una maggiore solubilità in acqua. 

Rispetto alla stragrande maggioranza degli altri grassi nella nostra dieta: olio di soia, olio di mais, olio di canola, olio d'oliva e grassi di pollo, sono prodotti interamente da LCFA. Quasi il 98% al 100% dei grassi che consumi ogni giorno è costituito da AGCL. Questo tipo di grasso richiede enzimi digestivi pancreatici e bile per la digestione. Mentre gli MCFA presenti nel grasso di cocco possono fornire una fonte di nutrimento facile e veloce senza danneggiare i sistemi enzimatici del corpo.

Gli LCFA vengono assorbiti nella parete intestinale e combinati con colesterolo e proteine ​​per formare lipoproteine ​​ricche di trigliceridi chiamate chilomicroni, che vengono rilasciate nel flusso sanguigno e vengono infine convertite in lipoproteine ​​a bassa densità (LBD). Gli LCFA circolano nel corpo come componenti delle lipoproteine.

Al contrario, gli MCFA vengono trasportati attraverso la parete intestinale e il sistema respiratorio, dove vengono inviati direttamente al fegato. Nel fegato, gli MCFA vengono utilizzati per produrre energia sotto forma di corpi chetonici. Pertanto, gli MCFA bypassano lo stadio delle lipoproteine ​​nella parete intestinale e nel fegato. Non circolano nel flusso sanguigno nella stessa misura degli altri grassi. Sono usati per l'energia, non il grasso corporeo o la placca arteriosa.

I CMFA vengono rapidamente metabolizzati per produrre energia nel fegato, a differenza di altri grassi saturi. Le scorciatoie che gli MCFA prendono nel nostro sistema digestivo gli consentono di combattere le malattie, in particolare le condizioni infiammatorie.


I grassi giusti per cucinare

chart01 chart02 chart03

Buoni grassi come integratore alimentare

chart04 chart05

Necessità di ridurre in modo significativo

chart06

“Tutti i testi di cui sopra sono citazioni dirette dal libro del professor Shirasawa. Sono presentati qui per saperne di più sugli ultimi risultati riguardanti i benefici del cocco. Queste informazioni non possono in alcun modo essere considerate come una raccomandazione per modificare il trattamento medico. Come qualsiasi altro ingrediente alimentare di qualità, il cocco può fornire benefici solo se combinato con una dieta equilibrata e un regolare esercizio fisico. "

Riferimento: FOOD FOR THE BRAIN - PROF. LE LETTURE DI SHIRASAWA

 

I benefici del latte di cocco, secondo il professor Shirasawa

Estratti dal libro "FOOD FOR THE BRAIN, del Prof. Shirasawa, PHD, MD, specialista in antietà. ISBN 978-967-14205-0-8"

 

I benefici del consumo di latte di cocco sono simili a quelli dell'olio di cocco, se non migliori.

 

L'acido laurico, uno degli elementi costitutivi del latte di cocco, viene convertito nel corpo in un composto antivirale e antibatterico molto benefico chiamato monolaurina. Aiuta a distruggere un'ampia varietà di organismi patogeni. Pertanto, si ritiene che il consumo di latte di cocco possa aiutare a proteggere il corpo da infezioni e virus.

 

Inoltre, il latte di cocco non contiene lattosio. Quindi, è un buon sostituto del latte per intolleranti al lattosio, pur essendo altamente e naturalmente nutriente, ricco di fibre, vitamine C, E, B1, B3, B5 e B6 e minerali tra cui ferro, selenio, sodio, calcio, magnesio e fosforo.

 

cap1-1

Come parte di una delle mie ricerche sul latte di cocco in Giappone, ho condotto uno studio sugli effetti del latte di cocco sui livelli di chetoni nel corpo. Questo studio ha incluso 12 volontari, divisi in due gruppi. Per prima cosa ho misurato i livelli di chetoni di tutti a stomaco vuoto.

Un gruppo di sei volontari ha consumato un frullato di carote con latte di cocco, mentre gli altri sei hanno consumato una zuppa di ostriche a base di latte di cocco.

Mi sono assicurato che entrambe le ricette contenessero 66 g di latte di cocco, che si traduce in 10 g di acidi grassi a catena media (MCFA). Dopo 3 ore ho misurato di nuovo i loro livelli di chetoni. Come nella figura 3, il lato sinistro è il frullato di carote; mentre il lato destro è la zuppa di ostriche. La colonna arancione è il livello di chetoni a stomaco vuoto, la colonna verde è il livello 3 ore dopo aver consumato latte di cocco. In entrambi i gruppi, sono stato in grado di confermare che i livelli sono aumentati dopo aver ingerito latte di cocco.

 

cap1-2

In un altro test, ho confrontato il bere caffè con olio di cocco e bere caffè con latte di cocco. In entrambe le bevande, la base del caffè era la stessa. Ma in una tazza di caffè ho aggiunto 2 cucchiai di latte di cocco (30 g / 5 g di acidi grassi a catena media) e nell'altra ho aggiunto 1 cucchiaio di olio cocco (15 g / 10 g di acidi grassi a catena media).

La linea di base era la stessa, 0,2 mmol / L. 4 ore dopo aver bevuto il caffè i miei livelli di chetoni sono balzati a 0,4 mmol / L nel caso del latte al cocco e solo 0,3 , XNUMX mmol / L nel caso del caffè con olio di cocco.

Questa esperienza mostra che il latte di cocco è in realtà ancora più efficace dell'olio di cocco nell'aumentare i livelli di chetoni.

 

Un altro vantaggio del latte di cocco rispetto all'olio di cocco è il conteggio delle calorie.

100 g di olio di cocco contengono 900 kcal, mentre 100 g di latte di cocco contengono solo 245 kcal.

Come puoi vedere, il latte di cocco dà risultati migliori soprattutto se vuoi perdere peso velocemente.

 

 

“Tutti i testi di cui sopra sono citazioni dirette dal libro del professor Shirasawa. Sono presentati qui per saperne di più sugli ultimi risultati riguardanti i benefici del cocco. Queste informazioni non possono in alcun modo essere considerate come una raccomandazione per modificare il trattamento medico. Come qualsiasi altro ingrediente alimentare di qualità, il cocco può fornire benefici solo se combinato con una dieta equilibrata e un regolare esercizio fisico ".

Riferimento: FOOD FOR THE BRAIN - PROF. LE LETTURE DI SHIRASAWA

 

Come l'olio di cocco può aiutare a combattere alcune malattie, afferma il professor Shirasawa

Estratti dal libro "FOOD FOR THE BRAIN, del Prof. Shirasawa, PHD, MD, specialista in antietà. ISBN 978-967-14205-0-8"

 

famiglia asiatica

L'infiammazione, caratterizzata da vari globuli bianchi che sono attratti da un'area di infezione o disturbo, è il meccanismo di difesa del corpo o anche riabilitazione e guarigione. In caso di successo, l'infiammazione scompare da sola. Ma se questo non ha successo, l'infiammazione persiste, diventa cronica e alla fine diventa la malattia stessa, producendo altri sintomi e complicazioni.

Torniamo quindi dal medico "Natura" per chiedere aiuto.

Vi troviamo la palma da cocco e i suoi frutti; l'acqua, le proteine ​​e gli oli dei suoi frutti, dove la natura sembra aver creato per noi un arsenale difensivo. Ecco fattori di crescita, fattori antinfiammatori e regolatori pronti per l'uso. È ormai dimostrato, ad esempio, che l'olio di cocco inibisce o regola negativamente le citochine pro-infiammatorie (come IL-1, IL-6, IL-8) e stimola o regola positivamente le citochine farmaci antinfiammatori (come IL-10).

 

 

Questa scoperta ci dà un'idea del motivo per cui l'olio di cocco può essere utile per malattie così diverse.

L'olio di cocco vergine è diverso dagli altri oli da cucina perché i suoi acidi grassi a catena media contengono acido caprilico, acido caprico e acido laurico, che sono tutti buoni componenti, benefici per Salute.

 

La monolaurina (nota anche come glicerolo monolaurato) è un componente naturale che si trova nell'olio di cocco ed è nota per le sue attività biologiche protettive come agente antimicrobico contro la Candida albicans. Il Dr. Murata et al hanno dimostrato che la monolaurina ha una potenziale attività antifungina contro C. albicans e può modulare la risposta pro-infiammatoria dell'ospite.9


9 Chen, E., D. Seleem, B. Benso, V. Pardi, R. Murata, (2016) Valutazione in vitro dell'attività antimicrobica di 1-lauroil-rac-glicerolo sui biofilm di Candidaalbicans. Estratto da HTTPS://DOI.ORG/10.7287/PEERJ.PREPRINTS.1717V1


“Tutti i testi di cui sopra sono citazioni dirette dal libro del professor Shirasawa. Sono presentati qui per conoscere gli ultimi risultati riguardanti i benefici del cocco. Queste informazioni non possono in alcun modo essere considerate come una raccomandazione per modificare il trattamento medico. Come qualsiasi altro ingrediente alimentare di qualità, il cocco può fornire benefici solo se combinato con una dieta equilibrata e un regolare esercizio fisico ".

Riferimento: FOOD FOR THE BRAIN - PROF. LE LETTURE DI SHIRASAWA

 

Ayam ™ France Facebook Instagram Youtube frnlendeitptes